ASSEGNO DIVORZILE IN UN’UNICA SOLUZIONE? NIENTE PENSIONE DI REVERSIBILITA’.
15873
post-template-default,single,single-post,postid-15873,single-format-standard,bridge-core-2.1.8,cookies-not-set,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-20.5,qode-theme-bridge,disabled_footer_top,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.1,vc_responsive,elementor-default,elementor-kit-15681
 

ASSEGNO DIVORZILE IN UN’UNICA SOLUZIONE? NIENTE PENSIONE DI REVERSIBILITA’.

ASSEGNO DIVORZILE IN UN’UNICA SOLUZIONE? NIENTE PENSIONE DI REVERSIBILITA’.

Il coniuge che percepisce l’assegno divorzile in un’unica soluzione, non ha diritto a ricevere la pensione di reversibilità.
Infatti, la corresponsione dell’assegno divorzile in un’unica soluzione preclude la proponibilità di qualsiasi successiva domanda di contenuto economico da parte del coniuge beneficiario dell’assegno una tantum, poichè il diritto all’assegno divorzile è stato definitivamente soddisfatto e non esiste, alla morte dell’ex coniuge, una situazione di contribuzione periodica e attuale che viene a mancare. Principio enunciato dalla Cassazione Civile a Sezioni Unite n. 22434/18 dopo una serie di pronunce di segno opposto.

No Comments

Post A Comment