ESPRESSIONE INGIURIOSA CONTRO IL SUPERIORE: LICENZIAMENTO LEGITTIMO?
15757
post-template-default,single,single-post,postid-15757,single-format-standard,bridge-core-2.1.8,cookies-not-set,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-20.5,qode-theme-bridge,disabled_footer_top,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.1,vc_responsive,elementor-default,elementor-kit-15681
 

ESPRESSIONE INGIURIOSA CONTRO IL SUPERIORE: LICENZIAMENTO LEGITTIMO?

ESPRESSIONE INGIURIOSA CONTRO IL SUPERIORE: LICENZIAMENTO LEGITTIMO?

L’espressione ingiuriosa rivolta dal lavoratore nei confronti di un proprio diretto superiore può integrare una giusta causa di licenziamento per insubordinazione. 
Con sentenza del 7 novembre 2018, n. 2787, il Tribunale di Milano, infatti, in applicazione del CCNL di settore, ha ritenuto legittimo il licenziamento disciplinare del lavoratore, avvenuto a seguito della condotta di “insubordinazione verso i superiori accompagnata da comportamento oltraggioso”, quest’ultimo pienamente integrato dall’accertata frase oltraggiosa pronunciata dal lavoratore ad alta voce nei confronti del superiore stesso.

No Comments

Post A Comment